Il Connection trio di Piero Odorici resident artist a UJW

Il trio si è costituito nella estate del 2016 per incidere un disco, "Piero Odorici Connection",  e fare un tour. Il suo repertorio è composto da brani originali e standards, in una ampia gamma di situazioni  musicali e atmosfere sia acustiche che elettriche.

Piero Odorici, sassofonista bolognese, da molti anni recita un ruolo da protagonista sulle scene del jazz italiano, ed è certamente tra i nostri musicisti di maggiore proiezione internazionale. Ha lavorato, dal vivo e in studio, con artisti come Cedar Walton, Dee Dee Bridgewater, Slide Hampton, Joe Lovano, Steve Lacy Eumir Deodato, oltre che con i principali jazzmen italiani. Di Roberto Gatto è persino inutile  parlare, perché a partire dagli esordi con il Trio di Roma nella metà degli anni 70 si è affermato come uno dei più importanti batteristi europei. Gatto però è molto di più: è un leader che riesce continuamente a costruire progetti originali, scoprire talenti, inventare formule nuove. Daryl Hall, contrabbasso e basso elettrico, è nato a Philadelphia (terra di contrabbassisti: Percy Heath, Jaco Pastorius, Stanley Clarke, fino a Chris McBride), è cresciuto artisticamente e New York e poi vissuto a lungo  a Parigi. Una carriera straordinaria, la sua, che lo ha visto collaborare con grandi artisti di generi diversi, dal mainstream al jazz meno convenzionale. Tra i tanti riconoscimenti, da ricordare che ha vinto la Thelonious Monk International Bass Competition.