JASON MORAN, " IN MY MIND - MONK AT TOWN HALL 1959" A UJW25

JASON MORAN, " IN MY MIND - MONK AT TOWN HALL 1959"

Per tutto il mondo del jazz il 2017 è l'anno del centesimo anniversario della nascita di Thelonious Monk, figura tra le più geniali della musica del 900, non solo del jazz.

I tributi per celebrarlo sono stati molti (uno dei più interessanti è andato in scena a Perugia con cinque grandi pianisti sul palco del teatro Morlacchi). Con In My Mind, commissionatogli dal San Francisco Jazz Festival, Jason Moran ha dato vita al progetto piu' complesso e ambizioso che presenta a Orvieto per la prima volta in Italia. E', quello del pianista texano, un vero e proprio spettacolo multimediale che rievoca il famoso concerto della Town Hall di New York, il 28 febbraio 1959, documentato da un disco Riverside. In quella circostanza Monk esploro' con la collaborazione dell'arrangiatore Hall Overton,  la dimensione, per lui inconsueta, di una formazione molto più estesa delle piccole band con cui era solito suonare. Moran non si è limitato a riproporre la parte musicale ma ha recuperato immagini e conversazioni tra Monk e Overton, ed ha portato tutto questo materiale prezioso ed inedito sul palco per realizzare uno spettacolo in cui  le immagini di Monk e la sua voce contribuiscono ad accrescere le suggestioni della rilettura della sua musica. Una "visione" che poteva concepire e realizzare solo uno dei pianisti piu genuinamente monkiani della scena del jazz contemporaneo.

UN "MONKFOLD TEST" DEL DOWNBEAT CON MORAN

Nel contesto dell'interessante e originale progetto di Jason Moran su  Monk  Umbria Jazz ha organizzato uno speciale blindfold test dal vivo (ingresso libero) dedicato proprio alla musica e alle composizioni di Monk. Dan Ouellette, inviato di DownBeat, lo farà a Jason Moran. La conversazione sulla musica e la personalità del "grande sacerdote del bebop" sarà pubblicata con  uno speciale rilievo nella prestigiosa rivista americana.