11 Giugno 2019, 10:11

Con Brio

“Noi non vogliamo camminare, ne’ guidare. Vogliamo volare”. Parola di Ziek McCarter, frontman di Con Brio, la band di San Francisco che esordisce a Umbria Jazz dopo che è diventata, soprattutto con i suoi eventi live, una specie di istituzione musicale della Bay Area. Formatasi 5 anni fa, la band è costituita da sette musicisti […]
share
UmbriaJazz

“Noi non vogliamo camminare, ne’ guidare. Vogliamo volare”. Parola di Ziek McCarter, frontman di Con Brio, la band di San Francisco che esordisce a Umbria Jazz dopo che è diventata, soprattutto con i suoi eventi live, una specie di istituzione musicale della Bay Area. Formatasi 5 anni fa, la band è costituita da sette musicisti di diversa estrazione ma con il comune denominatore  della passione per il funk ed il soul psichedelico. Sly & the Family Stone sono il loro principale punto di riferimento musicale.

In pochi anni Con Brio ha bruciato le tappe: nel 2015 il primo EP autoprodotto, poi tour negli Stati Uniti e subito dopo nei grandi festival europei, fino alla uscita del primo full lenght album, Paradise, prodotto da Mario Caldado, lo stesso di Beastie Boys, Beck. A quel punto in molti cominciarono a parlare di Con Brio come della “migliore giovane band americana.