Dino Rubino "Gesuè" | Umbria Jazz

Dino Rubino “Gesuè”

Dino Rubino, pianista e trombettista siciliano, ha fatto alla grande il suo ingresso nei piani alti del jazz italiano vincendo nel 1998 il Premio Massimo Urbani come miglior nuovo talento. Ha anche suonato nella band di Francesco Cafiso. Nel 2000 Rubino su richiesta di Furio Di Castri ha partecipato al progetto “Giovani artisti d’Europa”, che […]
share
UmbriaJazz

Dino Rubino, pianista e trombettista siciliano, ha fatto alla grande il suo ingresso nei piani alti del jazz italiano vincendo nel 1998 il Premio Massimo Urbani come miglior nuovo talento. Ha anche suonato nella band di Francesco Cafiso. Nel 2000 Rubino su richiesta di Furio Di Castri ha partecipato al progetto “Giovani artisti d’Europa”, che per un paio d’anni lo ha visto dare concerti a Torino, Sarajevo, Israele, Stoccolma.

Nel 2011 Paolo Fresu lo ha chiamato a incidere per la sua etichetta discografica, Tŭk Music, per la quale ha realizzato la maggior parte dei suoi album, tra cui il più recente, “Gesuè”, dedicato al padre. “Gesuè” è lo stesso progetto, e con la stessa formazione, che porta quest’anno a Umbria Jazz.

Rubino è membro del trio del trombettista sardo nel progetto “Tempo di Chet”, e si esibisce con lui anche in duo. È stato comunque coinvolto in molti progetti discografici e live di Fresu. Ha anche lavorato con Emanuele Cisi nel bellissimo disco del sassofonista torinese dedicato a Lester Young e ha presentato a Umbria Jazz, nella Galleria Nazionale dell’Umbria, il suo progetto “On Jazz Trio”, con lo stesso Cisi e Paolino Dalla Porta al contrabbasso. Uno dei progetti più coinvolgenti di Rubino è la solo performance di pianoforte, fissata nel disco “Roaming Heart”.