Francesco Bearzatti Tinissima Quartet | Umbria Jazz

Francesco Bearzatti Tinissima Quartet

Nel febbraio del 2008 Francesco Bearzatti, straripante agitatore della scena jazz italiana ed europea, pubblica per Parco della Musica Records il disco “Suite for Tina Modotti”, dedicato alla grande fotografa. Tinissima Quartet è il nome della band. Con il sax di Bearzatti ci sono la tromba di Giovanni Falzone e la sezione ritmica di Danilo […]
share
UmbriaJazz

Nel febbraio del 2008 Francesco Bearzatti, straripante agitatore della scena jazz italiana ed europea, pubblica per Parco della Musica Records il disco “Suite for Tina Modotti”, dedicato alla grande fotografa. Tinissima Quartet è il nome della band. Con il sax di Bearzatti ci sono la tromba di Giovanni Falzone e la sezione ritmica di Danilo Gallo e Zeno De Rossi, ovvero la non tanto consueta formula “pianoless” sax-tromba più contrabbasso e batteria. Viene inevitabilmente in mente il quartetto di Ornette Coleman della fine degli anni ‘50.

Il disco è uno dei lavori più interessanti di quell’anno, e Bearzatti vince anche il referendum Top Jazz 2009 di Musica Jazz, come “strumentista dell’anno sezione ance”.

Nel 2010 con la stessa band Bearzatti pubblica “X (suite for Malcolm)”, premiato come “miglior disco dell’anno “ nel Top Jazz 2010 e come miglior album in Italia da Jazzit Award. Segue nel 2013 “Monk’n’Roll” e poi ancora nel 2015 “This Machine Kills Fascists”, un omaggio a Woody Guthrie che quello slogan aveva scritto sulla sua chitarra.

L’ultima uscita del quartetto è nell’ottobre 2020 con l’album “Zorro”, nel centenario della creazione di Zorro. È una favolosa suite in cui trovano posto grandi temi di respiro cinematografico, interludi romantici, ampi paesaggi e inseguimenti movimentati. Insomma, Zorro.

Narratore innamorato delle parole e capace di prodigiose innovazioni, straniero sempre e ovunque eppure profondamente italiano, musicista all’eterna ricerca dell’altro, attirato irresistibilmente dai processi rivoluzionari purché liberi e mutevoli e non rigidi”. Perfetto ritratto di Bearzatti.