Funk Off

FUNK OFF: Dario Cecchini (sax baritono e direzione musicale), Paolo Bini, tromba Mirco Rubegni (tromba), Emiliano Bassi (tromba), Giuliano Teofrasto (tromba), Sergio Santelli (sax alto), Tiziano Panchetti (sax alto), Yuri Romboli (sax tenore), Claudio Giovagnoli (sax tenore), Giacomo Bassi (sax baritono), Nicola Cipriani (sax baritono), Giordano Geroni (sousafono), Francesco Bassi (rullante), Alessandro Suggelli, (cassa), Luca […]
share
UmbriaJazz

FUNK OFF: Dario Cecchini (sax baritono e direzione musicale), Paolo Bini, tromba
Mirco Rubegni (tromba), Emiliano Bassi (tromba), Giuliano Teofrasto (tromba), Sergio Santelli (sax alto), Tiziano Panchetti (sax alto), Yuri Romboli (sax tenore), Claudio Giovagnoli (sax tenore), Giacomo Bassi (sax baritono), Nicola Cipriani (sax baritono), Giordano Geroni (sousafono), Francesco Bassi (rullante), Alessandro Suggelli, (cassa), Luca Bassani (piatti), Daniele Bassi (percussioni leggere).


 

Chi è stato a una qualunque delle edizioni estive, invernali o primaverili di Umbria Jazz a partire dal 2003, si è portato via con i Funk Off una cartolina musicale del Festival.
Inutile ormai presentare i Funk Off. La street band toscana è diventata popolarissima con una formula originale e riconoscibile: superare il concetto di marching band della tradizione di New Orleans (il jazz è nato così) proponendo una musica trascinante e spettacolare, moderna e coinvolgente.  

Nel DNA dei Funk Off non c’è solo il senso dello spettacolo ma anche una solida cultura musicale che trascende i generi. Pensate a una musica in cui si affacciano, oltre al jazz delle origini, anche echi r&b di James Brown e la polifonia acidula dei fiati di Frank Zappa, fino al puro funk tipo George Clinton e le più moderne tendenze hip hop.