BRAD MEHLDAU TRIO

BRANFORD MARSALIS QUARTET

Mer, 14 Luglio - ore 21:00
Arena Santa Giuliana
Le disponibilità dei biglietti possono variare a secondo del rivenditore scelto
share
UmbriaJazz

BRAD MEHLDAU TRIO

Per Umbria Jazz il ritorno di Brad Mehldau è sempre un avvenimento perché il pubblico del festival fin dall’esordio del suo trio nel 1997, con un leggendario ciclo di concerti in una piccola sala, ha dimostrato di avere un debole per questo pianista dalla straordinaria vena poetica. In realtà Mehldau aveva già suonato al festival qualche anno prima con il quartetto di Joshua Redman, protagonista di una memorabile notte a San Francesco al Prato (1994) e della prima edizione di Umbria Jazz Winter nel 1993.  Uno dei non moltissimi musicisti, Mehldau, che riportano all'essenza ed al senso stesso della musica, cioè produrre emozioni. Nessuna maestria strumentale, nessun virtuosismo possono sostituire quella capacità di muovere i sentimenti che è propria della grande musica. Molto più che suonare note.  Il classico trio resta la formula identitaria di Brad Mehldau, quella che, anche secondo i suoi fans, ne descrive in modo ideale la mission artistica. Non che nel tempo Brad non abbia manifestato, e coltivato, interessi diversi. Ha esplorato forme di ispirazione accademica collaborando con orchestre sinfoniche e cantanti liriche e, sul versante opposto, suoni più moderni con l'adozione di tastiere e altri strumenti elettronici. Ha suonato con monumenti del jazz come Charlie Haden, Pat Metheny, John Scofield, Lee Konitz, Charles Lloyd, Wayne Shorter ma anche con artisti di diversa estrazione artistica come Willie Nelson e Chris Thile. E ogni volta, ha saputo calarsi perfettamente in universi sonori apparentemente lontani ma in realtà ben compresi in un universo musicale totalizzante.  Centrale resta la produzione per piano solo, musica emozionante quanto complessa, in cui l’improvvisazione del jazzman si coniuga con monumentali architetture di matrice classica. Una produzione documentata da una lunga serie di dischi, l’ultimo dei quali, “Suite: April 2020”, inciso durante la pandemia come una riflessione sonora sui vari momenti di una giornata di lockdown in casa. Prima di questo, tre anni fa, era uscito “After Bach”, in cui Mehldau mette al centro della sua poetica, nello stesso tempo con audacia e rispetto, nientemeno che Il Clavicembalo Ben Temperato.  Ma il trio occupa un posto a parte nel suo percorso artistico. Una piccola grande band con una fortissima identità artistica. Tutto passa, nella concezione moderna del trio pianistico, attraverso un miracoloso equilibrio tra le parti che si basa su un interplay democraticamente alla pari. Il trio di Brad Mehldau ne è un perfetto esempio, e la reciproca "comprensione" tra il pianista, il contrabbassista Larry Grenadier ed il batterista Jeff Ballard è assoluta. Fuori dalla mistica spesso rituale della jam session, il grande jazz si è sempre poggiato su band stabili che costruiscono sera dopo sera, disco dopo disco, la loro architettura creativa.   ___________________________________________________________________________________________   Il concerto del Brad Mehldau Trio sostituisce "Redman-Mehldau-Mcbride-Blade: A MoodSwing Reunion" originariamente previsto per il 16 luglio 2020. I biglietti acquistati per il concerto "Redman-Mehldau-Mcbride-Blade: A MoodSwing Reunion" del 2020 sono validi per il concerto del 14 luglio 2021 del Brad Mehldau Trio. Qualora a causa del cambio di formazione non si volesse assistere al concerto del 14 luglio 2021 (Brad Mehldau Trio - An evening with Branford Marsalis) è possibile richiedere il rimborso entro il 15 maggio 2021: Boxol QUI - TicketOne QUI.
UmbriaJazz

BRANFORD MARSALIS QUARTET

Sono passati quarant’anni da quando Branford Marsalis conquistò la ribalta come uno dei giovani leoni del jazz. Originario di New Orleans, discendente da una vera e propria dinastia musicale, figlio e fratello di jazzmen, Branford ha avuto modo di suonare agli inizi di carriera con Clark Terry, Art Blakey e suo fratello Wynton, collaborando in seguito anche con Dizzy Gillespie, Miles Davis, Sonny Rollins, Herbie Hancock, Harry Connick, Jr. e Kurt Elling.  Talento curioso e multiforme, ha spesso oltrepassato i paletti del jazz per sconfinare nella musica classica e nell’universo rock (la straordinaria partnership con Sting e con i Grateful Dead) riuscendo in ogni caso a conservare assoluta integrità artistica e coerenza.  Il quartetto resta lo strumento privilegiato per mezzo del quale Branford Marsalis può esprimere ai massimi livelli la sua creatività e la sua idea di musica. Un quartetto nato nel 1986 e rimasto attivo pressoché ininterrottamente, e stabile nella line up, per oltre tre decenni, producendo in questo periodo una serie di dischi straordinari. Un quartetto che è da tempo e con sempre maggiore forza, anche grazie ad una continua evoluzione, una profonda identità di collettivo e la ricerca di sempre più vasti orizzonti musicali, una delle sigle più importanti del jazz contemporaneo. Il pianista Joey Calderazzo ed il contrabbassista Eric Revis sono nella band da vent’anni, ed il batterista Justin Faulkner è entrato nel 2009. “The Secret Between the Shadow and the Soul” è l’ultimo album che ne documenta il livello musicale.  Il quartetto si è unito alla North Carolina Symphony diretta da Grant Llewellyn per incidere, per la svedese Bis, “American Spectrum”, con musiche di compositori americani contemporanei.  Fuori dal contesto del quartetto, Marsalis recentemente ha diretto, prodotto e suonato la soundtrack del film di Netflix “Ma Rainey’s Black Bottom”, sulla vita della prima grande star del blues.