10 Giugno 2019, 12:43

Via della Viola

Una delle grandi novità dell’edizione 2019 di Umbria Jazz è l’approdo del festival in via della Viola, quartiere del centro storico dal fascino bohemien che da anni sta vivendo una vera e propria rinascita sul piano culturale e anche economico tra cinema, librerie e ristoranti, tutte attività nate da un forte processo partecipativo. Qui Umbria […]
share
UmbriaJazz

Una delle grandi novità dell’edizione 2019 di Umbria Jazz è l’approdo del festival in via della Viola, quartiere del centro storico dal fascino bohemien che da anni sta vivendo una vera e propria rinascita sul piano culturale e anche economico tra cinema, librerie e ristoranti, tutte attività nate da un forte processo partecipativo. Qui Umbria Jazz approda con un programma per tutte le età.

Partendo dai più piccoli. Il Festival, in collaborazione con la Regione Umbria e con l’Istituto comprensivo 2 Montessori-Ciabatti, darà vita a «Uj 4 kids» nell’ambito di un percorso didattico sperimentale partito già da qualche tempo nelle scuole. Ogni mattina nello spazio dell’associazione Fiorivano le viole (l’ex Balù in via Cartolari) e nel chiostro di San Fiorenzo (in via della Viola) potranno partecipare (con inizio alle 10 e alle 11.15) a lezioni di swing, laboratori ritmici e vocali, fattorie della musica, fiabe e laboratori di avvicinamento al jazz.

Nel pomeriggio invece lezioni di ballo swing a partire dalle 18 mentre dalle 19.30 fino a mezzanotte sono in programma dj set.

Dalle 24 in avanti spazio alle jam session che quest’anno si terranno al Jazz Club Méliès, presso il chiostro di San Fiorenzo: sul palco la house band formata da Piero Odorici, Daniele Scannapieco, Andrea Pozza, Aldo Zunino e Anthony Pinciotti ai quali, nello spirito delle jam session, si potranno unire tutti quelli che avranno voglia di suonare.

Anche in questa location sarà attivo un servizio di snack bar durante tutte le attività.

Notizie correlate

UmbriaJazz
08 Settembre 2020, 08:15
UmbriaJazz
07 Settembre 2020, 08:18