Sullivan Fortner special guest Michela Marino Lerman (tap dancer)

Piano Room

Lun, 30 Dicembre - ore 17:00
Palazzo del Popolo – Sala Etrusca
share
UmbriaJazz

Sullivan Fortner special guest Michela Marino Lerman (tap dancer)

Con Sullivan Fortner, pianista trentaduenne di New Orleans, Umbria Jazz continua la tradizione di presentare e valorizzare al pubblico italiano i nuovi talenti della scena jazz americana. Anche se in realtà oggi Fortner non è proprio una novità avendo vinto tre anni fa il “Lincoln Center Award for Emerging Artists”. In questa prima fase della sua carriera si è esibito nel circuito Jazz at Lincoln Center e ai festival di Newport e Monterey, ha suonato con Dianne Reeves, Roy Hargrove (è stato membro dell’ultima formazione del trombettista texano), Wynton Marsalis, Paul Simon, John Scofield, Cecile McLorin Salvant, Fred Hersch, DeeDee Bridgewater, Stefon Harris, Billy Hart, Dave Liebman. Ha pubblicato anche i primi due dischi da leader per la Impulse! Figlio d’arte, ha mosso i primi passi come organista dei cori gospel (sua madre ne dirigeva uno) e ha poi studiato in istituzioni prestigiose come l’Oberlin Conservatory e il Berklee College of Music di Boston. A Orvieto suona in una performance di solo piano e in trio con una ritmica stellare: Jay Anderson al contrabbasso e Lewis Nash alla batteria. In entrambi i casi al suo fianco c’è una artista fuori dall’ordinario. Michela Marino Lerman è una virtuosa della tap dance, che in Italia viene comunemente chiamata tip tap. Nata a New York, Michela ha cominciato la sua carriera a cinque anni. Oggi è una figura di rilievo del mondo della tap dance, si esibisce nei migliori jazz club e festival (unica tap dancer invitata al Dizzy’s Club Coca Cola al Jazz at Lincoln Center), vanta collaborazioni con musicisti come Wynton Marsalis, Benny Golson, Roy Hargrove, Ravi Coltrane, Frank Lacy. La sua mission è mantenere vitale una tradizione che affonda le radici nello show business americano, di casa a Broadway come a Hollywood, ma molto presente anche nel mondo del jazz, in particolare nelle grandi orchestre degli anni Trenta e Quaranta.