80 anni di Giovanni Tommaso: auguri da UJ

Un musicista che ha contribuito come pochi altri al raggiungimento della piena maturità del jazz italiano
share | Tags: Notizie
UmbriaJazz

Giovanni Tommaso festeggia oggi ottant’anni. Un lungo lasso di tempo durante il quale il contrabbassista, compositore e leader di Lucca ha contribuito come pochi altri al raggiungimento della piena maturità del jazz italiano. Un percorso artistico, il suo, che è vissuto in innumerevoli momenti di grande musica, spesso suonata con giovani compagni di viaggio che sono poi diventati delle star.

Giovanni fa parte di quelli che venivano talvolta definiti i “senatori” del jazz italiano, oppure “i padri nobili”. Questi termini non sono più attuali, ma certo è che Tommaso resta uno dei rappresentanti di spicco di quella generazione che ha svolto un ruolo determinante nel fissare i tratti fondamentali dell’identità del jazz italiano. Una carriera sconfinata, quella del contrabbassista lucchese, cominciata alla fine degli anni ‘50 con il Quintetto di Lucca e la vittoria alla Coppa del Jazz della Rai, e continuata in mille avventure, dalle orchestre nelle navi di crociera agli studi TV, dai club di New York al lavoro di produttore e arrangiatore per la RCA.

Importante anche il suo ruolo di educatore, quale direttore delle Clinics estive del Berklee College of Music che si tengono a luglio a Perugia in contemporanea con il festival.