22 Aprile 2019, 12:21

UMBRIA JAZZ SPRING 2 IL BILANCIO DEL FESTIVAL

Si conclude oggi a Terni la seconda edizione di Umbria Jazz Spring, dopo il numero zero sperimentale realizzato due anni fa. Un’edizione che ottiene un chiaro successo dal punto di vista musicale.
UmbriaJazz

UMBRIA JAZZ SPRING 2

IL BILANCIO DEL FESTIVAL

 

Si conclude oggi a Terni la seconda edizione di Umbria Jazz Spring, dopo il numero zero sperimentale realizzato due anni fa.

Un’edizione che ottiene un chiaro successo dal punto di vista musicale: il Festival ha infatti ospitato musicisti di assoluto rilievo legati a vario titolo alla Black Music, genere musicale che ha fatto da filo conduttore dell’intero cartellone, composto quasi esclusivamente da concerti gratuiti. Precisa, in questo senso, la volontà della Fondazione Umbria Jazz, di concerto con le Istituzioni, di rendere il più accessibile possibile il festival.

Un risultato incoraggiante di presenze, che può essere migliorato soprattutto in termini di spettatori paganti. Ma il dato molto positivo di pubblico e di ambiente ottenuto con i club e con i Gospel segnala le potenzialità di UJ Spring e dà un segnale significativo alla città.

Molto apprezzati musicalmente sono stati Roosevelt Collier, il “Jimi Hendrix” della pedal steel guitar, Thornetta Davis, da Detroit, che della Motor City è considerata l’indiscussa regina del blues, i New Orleans Mystics, Angela Mosley, e ovviamente il gospel, con il Virginia State Gospel Choir, che ha creato un’atmosfera unica al Santuario di San Francesco.

Importante anche la presenza di musicisti italiani, che da anni interpretano questo genere con classe e originalità: Flavio Boltro, i Quintorigo, i Licaones, Amedeo Ariano in trio e nel progetto Triplets, e Massimo Moriconi, in Modalità trio e Duet, Successo anche Anat Cohen, clarinettista dalla grandissima cultura musicale con un ensemble particolarissimo di dieci elementi e Dena De Rose, che si iscrive nella gloriosa tradizione delle pianiste/cantanti che hanno avuto un ruolo importante nella storia del jazz.

I Funk Off, infine, hanno, come sempre, creato un clima di festa per le strade della città, con il pubblico che ha particolarmente apprezzato le incursioni alla Cascata delle Marmore in uno scenario naturale unico.

In sostanza, Umbria Jazz Spring ha dimostrato di avere grandi potenzialità ed ha fornito in questa edizione gli elementi su cui lavorare.

Un lavoro di aggiustamento, insomma, che deve essere condotto in sintonia con tutte le componenti cittadine in modo che Terni si appropri sempre più di UJ Spring e ne faccia una grande opportunità culturale e di attrazione turistica.

Un ringraziamento alla Regione Umbria per il sostegno, alla Fondazione Cassa di Risparmio di Terni per il fondamentale contributo,  alla Diocesi di Terni, Narni, Amelia per aver aperto la chiesa al gospel, ed al Comune di Terni per aver concesso lo spazio CAOS.