Umbria Jazz Winter 2000-2001

Orvieto, 28 dicembre 2000 - 1° gennaio 2001

share

Ruota attorno al fascino intrigante del tango la prima edizione del nuovo millennio.

E a interpretarne le tante sfumature e i molti misteri ci sono musicisti diversi e lontani per esperienza.
C’è Richard Galliano, il migliore degli allievi di Piazzolla, con il suo accordéon. Ci sono i sax diversamente latini del cubano Paquito D’Rivera e dell’italoamericano Joe Lovano, c’è il Quintet for new tango di Pablo Ziegler, il pianista preferito di Piazzolla, c’è la vocalità intensa di Julia Zenko e c’è una compagnia di ballerini che ha portato il tango sui palcoscenici dì Broadway. Il piatto del jazz, però, non piange.

A tenere alto il fronte dei ricordi c’è ancora una volta la Gil Evans Band, sempre guidata dal figlio del grande leader, Miles Evans, e con alcuni dei solisti che ne hanno santificato la gloria come il trombettista Lew Soloff, il tastierista Delmar Brown, il chitarrista Hiram Bullock.

Da segnalare, fra i protagonisti, anche uno specialista del pianoforte in forte ascesa, Jason Moran, e poi il solido fronte italiano con il gran trio di Giovanni Tommaso, Stefano Bollani e Roberto Gatto, poi due sassofonisti solidi come Rosario Giuliani e Daniele Scannapieco. La blueswoman Linda Hopkins e due organisti doc come Jimmy McGriff e Lonnie Smith.

Umbria Jazz

UJ History