Umbria Jazz Winter 2001-2002

Orvieto, 28 dicembre 2001 - 1° gennaio 2002

share

Una sorta di musical, ma senza scene e costumi, centrato sulle canzoni italiane degli anni Trenta e Quaranta è la proposta più divertente del cartellone.
Si chiama Abbassa la tua radio (il celebre incipit di Silenzioso slow) ed è un collage musicale ideato e arrangiato con leggerezza e ironia da Stefano Bollani e interpretato da un’ampia schiera di solisti (Enrico Rava, lo stesso Bollani, Petrella) e cantanti (da Irene Grandi a Peppe Servillo, a Simona Bencini, a Barbara Casini).

Il protagonista più sofisticato del festival è però Pat Martino, gran chitarrista risbucato dopo un lungo periodo di oblio (aveva perso la memoria dopo un intervento chirurgico ed è dovuto ripartire da zero) alla testa di un trio gagliardissimo con lo strabordante Joey De Francesco all’organo e Byron Landham alla batteria.

Non manca una buona dose di specialisti delle sei corde, che va dal provocatorio Marc Ribot, ex Loung Lizards ma anche partner di Tom Waits, a rassicurante John Scofield.
Curioso il pirotecnico trio Medeski-Martin & Wood, una delle proposte innovative del jazz contemporaneo, riuscitissimo il nonetto guidato da Joe Lovano.

Umbria Jazz

UJ History